"La maggior parte della gente non si preoccupa di scoprire la verità, ma trova molto più facile accettare la prima storia che sente." Tucidide (406-397 a.c.)

"Odio gli indifferenti. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. L'indifferenza è il peso morto della storia. Vivo sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti." Antonio Gramsci 1917





martedì 23 aprile 2013

PARTIGIANA REGGIANA



Sono orgogliosa di essere la nipote di due PARTIGIANI, i miei nonni AGIDE E ONEGLIA, nomi di battaglia Cìrel e Sonia, che con coraggio insieme ad altri partigiani hanno realizzato il desiderio e la speranza di una società nuova, verso la via del socialismo. I mie nonni mi hanno insegnato ad abbracciare l'uguaglianza, la solidarietà la dignità, ma più di ogni altra cosa era un dovere ricordarsi della Resistenza e di tutto coloro che avevano liberato l'Italia dal più devastante atto criminale compiuto nel nostro paese, cioè il fascismo. La storia è un motore sociale e culturale fondamentale per capire l'evoluzione della società. Chi ha avuto la possibilità di essere figlio o nipote di un partigiano, conserverà un patrimonio culturale, una finestra aperta alla verità storica, avrà la conoscenza di valori che la guerra di Liberazione, dei Partigiani, ha fatto sorgere, mentre le nuove generazioni hanno una scarsa informazione causata da un insegnamento scolastico superficiale e da coloro che vorrebbero cancellare dalla memoria questo evento importante che ha segnato l'inizio della democrazia. Bisogna insegnare e ripetere sempre quali erano i valori del fascismo, per capire come i Partigiani si siano uniti per liberarsi dagli orrori del nemico, avendo come interesse, l'interesse comune della comunità.
Il futuro della RESISTENZA sono i giovani che hanno il compito di valorizzare la parola "PARTIGIANO" perchè partigiani solo tutti coloro che lottano ogni giorno per le conquiste sociali e per difendere i diritti umani. E poter cantare "BELLA CIAO" per sempre.

martedì 16 aprile 2013

Naturalmente sono felicissima della vittoria di Maduro, anzi  ero convinta che voncesse. Naturalmente le critiche sono iniziate già con la percentuale di scarto che sarebbe stata minima ( se guardiamo le % dei paesi europei o negli Usa, risulta ancora più bassa), quasi il 2% che corrisponde a quasi 235.000 voti di differenza a favore di Maduro. Quella % che ha fatto infuriare il fascista oppositore Capriles, chiedendo subito il riconteggio dei voti perchè quello non poteva essere il  risultato finale. La recente vittoria di Capriles come governatore nello stato di Miranda risale  nel dicembre del 2002,  dove lo vide vincitore con solo 45.111 voti di differenza contro il bolivariano Elias Jaua. Ma in quell'occasione, non aveva dubbi sull'onestà del sistema elettorale!
Il CNE, Consiglio Nazionale Elettorale, ha proclamato ufficialmente ieri, lunedì, NICOLAS MADURO come Presidente del Venezuela, rifiutando le critiche del sistema elettorale del candidato oppositore. Anche le missioni internazionale di accompagnamento hanno riconosciuto il buon funzionamento del sistema elettorale. Capriles, sta già preparando un clima di disordine nel paese come quello provocato nel 2002 nel quale sfociò in un colpo di stato. Maduro, rivolgendosi al popolo venezuelano, risponde con la pace di fronte ai piani di destabilizzazione dell'opposizione. In una intervista a Prensa Latina ha detto: " Loro,(opposizione) cercheranno di fare uno sciopero generale, cercheranno dio bloccare le strade principali, chiederanno di marciare, per provocare feriti o morti, ma avranno la stessa sconfita come quella del 2002"

domenica 7 aprile 2013

ASPETTANDO IL 14 APRILE

Mancano solo sette giorni alle elezioni del nuovo presidente del Venezuela e come si evince dalle notizie, dai video proposti da TELESUR e da pochi organi informativi che noi in Italia non vedremo e non sentiremo mai, il popolo venezuelano è chiaramente schierato verso il socialismo del loro eterno leader Hugo Chavez, il quale successore sarà NICOLAS MADURO. Di questo ne sono convinta, il nuovo presidente sarà Maduro perchè il popolo venezuelano ha già dimostrato in  più   occasioni di essere compatto e pronto a lottare per ottenere e difendere i propri diritti. E' inutile ricordare come l'opposizione della destra tenti in tutti i modi e con ogni mezzo, di destabilizzare il paese ed è proprio notizia di ieri,  della denuncia del cancelliere del Venezuela Elias Jauà, che esiste un piano preciso della destra proveniente dal El Salvador, che mira  alla destabilizzazione durante le elezioni presidenziali.
Elias Jauà in una intervista a Telesur ha dichiarato che " Oggi  mi sono riunito come vicepresidente con i membri dell'intelligencia venezuelana e abbiamo elementi precisi che collegano i salvadoregni con membri e dirigenti dell'opposizione che si organizzano per provocare violenze nel nostro paese. Abbiamo filtrato delle conversazioni di gruppo della destra per includere mercenari del Centroamerica in attività di destabilizzazione nel paese". Il Ministro delle relazioni estere ha identificato in queste conversazioni due di questi gruppi.
FORZA MADURO!



"CHAVEZ VIVE, LA LUCHA SIGUE!"
"LO QUE QUIERAN FUTURO, VENGAN CON MADURO!"




venerdì 5 aprile 2013

Que Cuba haya desarrollado ya cuatro vacunas contra diferentes tipos de cáncer es sin duda una noticia importante para la Humanidad (1), si tenemos en cuenta que, según la Organización Mundial de la Salud, cada año mueren en el mundo, por esta enfermedad, cerca de 8 millones de personas (2).

FUENTE: http://www.tercerainformacion.es/spip.php?article46716
 — con Demetriomateo Gonzalesmojo,Ricardo Humberto Rocha VázquezJavier NavaDavid MagañaLirayen SalfateJareth Solis Miranda,Cristopher TorresRamona SeguraSonrisa Nueva VidaWolFman Ma-rElder Reyes Avalos e Victor Felipe Mardones Soto