"La maggior parte della gente non si preoccupa di scoprire la verità, ma trova molto più facile accettare la prima storia che sente." Tucidide (406-397 a.c.)

"Odio gli indifferenti. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. L'indifferenza è il peso morto della storia. Vivo sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti." Antonio Gramsci 1917





giovedì 1 dicembre 2011

UN ATTACCO ALL'IRAN POTREBBE PROVOCARE LA TERZA GUERRA MONDIALE

L'editore del settimanale statunitense Executive Inteligence Review (EIR), Edward Spannaus, ha dichiarato che un attacco degli Stati Uniti  contro l'Iran potrebbe provocare  una Terza Guerra Mondiale.  
L'analista nordamericano, in un'intervista con la catena Press TV, ha affermato che la strategia di Barack Obama “per vincere le prossime elezioni nel suo paese  sarà sferrare una guerra  contro l’Iran”, e  che questa misura nordamericana porterà il mondo ad un'altra guerra mondiale. 
“Iran e Siria sono i primi nella lista dei paesi che potrebbero essere attaccati dagli Stati uniti”,  ha detto  Spannaus , aggiungendo che i finanziatori della campagna elettorale di Obama esigono da lui che faccia una nuova  guerra, in cambio del loro sostegno. 
L'editore di EIR ha detto anche che, a proposito di una molto probabile ingerenza militare della NATO in Siria, questo atteggiamento da parte dell’Organizzazione potrebbe seguire agli assalti sferrati contro i paesi vicini.
Vari esperti politici statunitensi valutano le minacce di Washington contro Teheran come un tentativo di sviare l'opinione pubblica internazionale dai forti problemi interni del paese, mettendo in secondo piano le notizie sull’ondata di proteste contro il sistema capitalista e neoliberista che impera negli USA. 
Il 17 settembre è sorto il movimento Ocupy Wall Street (OWS) a New York, come protesta contro il corporativismo e la disuguaglianza sociale negli USA, e si sta estendendo in molti altri Stati dell?unione. Il movimento OWS attacca la Casa Bianca e gli oppositori sostengono che i governanti  statunitensi appoggiano i capitalisti, ed accusano anche il governo di Barack Obama di “dissipare le imposte dei cittadini nordamericani in guerre generate in altri paesi.” 
Il Governo d’Israele tenta di ottenere consensi dal Regno Unito e dagli Stati Uniti per dare luce verde ad un attacco contro il programma nucleare di Teheran e il quotidiano britannico The Guardian ha informato che il Ministero della Difesa britannico pensa che gli USA possano accelerare i piani per bombardare le installazioni nucleari iraniane.
( PL/ Traduzione Granma Int.)