"La maggior parte della gente non si preoccupa di scoprire la verità, ma trova molto più facile accettare la prima storia che sente." Tucidide (406-397 a.c.)

"Odio gli indifferenti. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. L'indifferenza è il peso morto della storia. Vivo sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti." Antonio Gramsci 1917





lunedì 31 gennaio 2011

LA POLITICA?

   La parola POLITICA, nel pronunciarla, scatena varie reazioni. Chi si tappa le orecchie, chi con indifferenza se ne frega, chi non reagisce perchè non è informato. Ma la frase frequente, la più sbrigativa, quella già confezionata che si dice quando non si sà cosa dire è: " la politica non mi piace, tanto sono tutti uguali". Risposta superficiale. C'è invece chi con passione,  si dedica con interesse comprendendone l'importanza e l'essenza della finalità, dato che la politica è l'arte di governare la società in cui viviamo. La politica interessa tutti noi cittadini poichè l'amministrazione dello stato è per il bene di tutti. Noi cittadini possiamo essere spettatori o partecipanti diretti alla vita politica, possiamo diventare "l'uomo del fare" in prima persona, impegnandoci in modo responsabile a soddisfare i bisogni e le esigenze del popolo, attraverso adesioni ai vari partiti o avere cariche istituzionali, cioè, come si vuol dire, avere una poltrona.
   Pensando a come veniva considerata la politica nel 5° secolo, non mi  meraviglio di come essa, a  causa della sua evoluzione e trasformazione, abbia perso credibilità, e più che un sogno da seguire è diventata un incubo da dimenticare.
   Quando si realizza la Democrazia ad opera di Pericle(495-429 a.c.) la politica è al servizio dell'uomo, tutti i cittadini della "polis" possono candidarsi nello svolgere incarichi amministrativi e partecipare  alle assemblee popolari. Chi gestiva il governo della città  era controllato se eseguiva bene in modo corretto il proprio lavoro, altrimenti veniva tolto dall'incarico. Eh si, cose di altri tempi...! Già dal secolo successivo, nel 4°, la politica comincia a mutare, diventa più professionale, si specializza, e con essa il politico che si istruisce nelle scuole di retorica, tanto da far nascere uomini ambiziosi per poter diventare leader, dei demagoghi, che in un clima aggressivo e di corruzione, promettono al popolo  la realizzazione di progetti che non avvenivano mai. Da qui partirà un'alta concentrazione del potere che porterà ad arricchire i politici, una situazione che dura nel tempo, anzi, direi che alla luce del nostro secolo è peggiorata.
   Chi governa è il rappresentante dell'essere umano, perciò più di ogni altro deve rispecchiare quei valori nobili e giusti, nei quali il cittadino dovrebbe e potrebbe vedere la realizzazione delle proprie esigenze. Purtroppo i nostri politici sono demagoghi, chi più chi meno, e ciò che mi indigna maggiormente è che si avvalorano della fiducia di coloro che li approvano con il diritto al voto, dimenticandosi dell'onestà con cui dovrebbero eseguire l'incarico. Ben venga il metodo di Pericle!
   Si è perso il vero significato di Politica: oggi si respira tra corruzione, scambio di voto, scambi di favore, "presunti" rapporti tra Stato e mafia, chi inventa che tutto va bene e allo stesso tempo crea terrorismo psicologico su ciò che ci fa paura, chi dimostra che non occorre fare gavetta per avere un'incarico pubblico.
Così come è, la politica insegna che chi ha il potere, chi ha i soldi, chi riesce a prevalere sull'altro, chi è famoso, è la persona più furba, la persona che ce l'ha fatta,  un vincente.
   Come si può credere a quei politici che cambiano frequentemente posizione politica o cambiano il nome del partito ma rimangono sempre le stesse idee? Come formare coalizioni di partiti diversi ma che seguono lo stesso orientamento solo per raggiungere l'obiettivo di governare, quando nel momento di essere uniti non riescono a mettersi d'accordo?
   Penso che la politica sia meravigliosa solo se la si applica rispettando la coerenza, l'amore per il prossimo, l'amore per il bene comune, il diritto ala dignità umana, e saper correggere gli errori del passato. Penso anche che sarebbe interessante  togliere lo stipendio esagerato ai politici, pagandoli con gettoni a presenza, e osservare chi si prenderà realmente cura del paese e dei cittadini così tanto amati....!

  
  

domenica 30 gennaio 2011

GIUSTIZIA



                    IL   13 FEBBRAIO

                    I O     D I F E N D O

          I   M A G I S T R A T I  !

sabato 29 gennaio 2011

CARO SILVIO


         Caro Silvio,
non voglio essere irriverente, ne mancarti di rispetto, se in modo confidenziale ti chiamerò per nome e ti darò del tu. Sono una donna, una tua coetanea che vuole parlarti, meglio scriverti, con il cuore in mano, a nome di tante altre donne della nostra età, le quali sono diventate mie amiche da quando facciamo parte di uno stesso circolo culturale della città che si chiama
                       VIALE DEL TRAMONTO.
   Mi presento, sono PASSERA SERENA, e puoi capire perchè sia proprio io a scriverti,...eh...vecchio marpione...solo una passera come me poteva esserne la portavoce...!
   A tal proposito ci dispiace esprimere la nostra amarezza per tutti i "casini" che hai, ce l'hanno tutti con te, povero Silvio, capiamo il tuo stato d'animo, ma anche noi una cosa te la dobbiamo dire: ti troviamo sciupato,triste, non racconti più barzellette, ti incazzi troppo con i conduttori televisivi, non ti riconosciamo più nel nostro Silvio, bello, simpatico, sempre con la battuta pronta, che risolve tutti i problemi. Ti raccomandiamo di alleggerire il lavoro che ti porti a casa, a Villa Arcore, lo sappiamo che lavori fino a notte fonda, ma anche fuori da quelle mura ti aspettano altri problemi che tu, - come sempre hai fatto- sai come risolverli in modo egregio ed esemplare , da vero PRESIDENT! Quante cose hai fatto per noi cittadini, soprattutto per noi pensionati, ad esempio....
   mmmmhhhhh.....mhhhhh.. behh...... adesso non mi viene in mente niente...
   Solo una cosa ci dispiace a noi, che non abbiamo l'età per fare le ESCORT( ci farebbe comodo qualche eurino in più), però per te saremo sempre disponibili se deciderai di affrontare la vita con meno stress e tranquillamente, invitandoci qualche volta alla tua Villa, magari guardando film come BAARìA, ascoltare Apicella, fare due chiacchere davanti ad un bicchiere di Coca Cola Light. Sicuro che la serata non andrà oltre alle 24 e ti promettiamo che non ti faremo "arrapare", non ti devi preoccupare per la cena perchè noi mangiamo poco, e cosa importante, non dovrai scomodare i tuoi autisti per venirci a prendere, e la tua scorta per il ritorno, noi verremmo con il pulmino del circolo.

P.S: Come avrai notato dalla foto in allegato, siamo già pronte per il prossimo invito nella tua favolosa piscina di Villa CERTOSA.
  
   In attesa di una tua graditissima risposta, ti salutiamo.
 Con affetto le donne del Circolo Viale del Tramonto.

giovedì 27 gennaio 2011

L'IMPORTANZA DELLA MEMORIA



  Chiunque ha il dovere di ricordare e soprattutto di insegnare, che ciò che siamo e siamo diventati, è perchè abbiamo avuto un passato, una Storia che ci ha trasformato, plasmato e solamente attraverso la conoscenza dell'informazione diventa importante, come essa, cioè la Storia, ci è stata e ci viene raccontata.
  Non sembra, eppure se guardiamo il calendario leggiamo 2011.
  Non sembra, eppure se guardiamo la televisione, leggiamo i giornali, ci accorgiamo di appartenere ad un'era diversa, regressiva, per come vengono considerati e rispettati i diritti umani.
  Solo la tecnologia, il progresso, lo sviluppo dell'elettronica, delle invezioni che l'uomo ha creato con l'intelligenza , ci dimostrano quanto il mondo si sia evoluto, alla portata delle esigenze ed emergenze umane. La stessa intelligenza non è riuscita a far sviluppare un "motore", il più importante, che è l'UMANITA' , la quale deve essere costruita  e curata con il cervello ed il cuore.
  La storia dell'Umanità comprende millenni di epoche trasformate dai cambiamenti sociali di ogni paese. Ogni secolo ha la sua caratteristica, ma ciò che accomuna da sempre il ciclo dell'evoluzione che si ripete senza fine, sono sempre i medesimi interessi che portano alle guerre per impossessarsi del potere, all'espropriazione di terre altrui e allo sfruttamento della povera gente.
  Occorre avere una memoria storica per poter correggere gli errori del "bipedes" che ha procurato nel passato, ma finora il risultato è stato poco compiacente, poichè non è stato rilevato alcun miglioramento. Tutto continua come sempre è stato: uomini assettati di potere; nuove guerre che continuano; la dignità umana sempre più a rischio; la "colonizzazione" che in forma diversa continua, la scoperta dell'America e con essa lo sterminio dei popoli autoctoni, che continua con la Globalizzazione; uomini schiavi del proprio tempo e ricattati. In fondo, COSA E' CAMBIATO? Il peggio è che oltre a ripetersi la Storia, si cerca, al contrario, di cancellarla , da  coloro che vorrebbero dimenticare eventi importanti che hanno lasciato un segno profondo, come ad esempio l'Olocausto o nel festeggiare il 25 Aprile nel ricordo della Resistenza.
  Insomma, l'essere umano non sembra riconoscere l'importanza del "sapere", tanto la vita va avanti lo stesso...  Con un sano egoismo, ed una ignoranza facoltativa non è difficile guardare con entusiasmo "Il grande fratello", "Uomini e donne", La pupa e il secchione"....
  QUESTA E' LA MEMORIA CHE INTERESSA CONSERVARE ALLA MAGGIOR PARTE DEI BIPEDES!

martedì 25 gennaio 2011

AHI...L'AMOUR...





L'AMORE è come plasmare
un pezzo di creta,
prende forma man mano
diventa un tutt'uno
con ciò che si modella;
è come piantare un seme
per poi vederlo sbocciare;
è come un girasole
che segue fedelmente il sole;
è come costruire con la sabbia
il castello più alto del mondo,
con la speranza che nessuna onda
possa trascinarlo con sè
durante il suo cammino.


* * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
* * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

All'AMORE nessuno ha insegnato a vivere.
E' lì, nascosto e quando meno te l'aspetti
incombe con tutta la sua forza
senza averlo chiamato
ma con la speranza che rimanga.
L'Amore non avvisa,
è spontaneo, sincero, leale, folle,
non chiede scusa ne perchè.
L'Amore risveglia le emozioni
quando pensi di averle abbandonate,
e ti senti vivo,
ti senti di poter ancora amare.
All'Amore non si comanda
perchè non ha padroni,
arriva all'impovviso
ti abbraccia felicemente.
ti regala sogni,
ma sa anche essere egoista quando toglie il disturbo.
E' un piacevole rischio,
e vorresti gridare che ci sei,
che vuoi amare, che non sei solo.
Non importa se sarà breve
ne per quanto durerà,
l'importante è poter vivere l'amore intensamente
e dal profondo delle sue radici
respirarne la freschezza
affinchè possa crescere rigoglioso
per sentirlo bruciare dentro di te.

UNA STORIA "GAIA"




  Tony si affrettò a mangiare l'ultimo boccone di carne in scatola conservata nella sua dolciastra gelatina. Quel giorno a pranzo, Tony non aveva il solito appettito, mangiare era l'ultima cosa a cui pensava, da quando il suo miglior amico Roger, aveva riportato qualche lesione lieve in seguito ad una caduta, accorsa il giorno prima. Roger era tutto per lui.
  A causa del suo carattere introverso e dell'esperienze sentimentali con l'altro sesso, Tony aveva deciso di allontanari dal mondo che lo circondava, rifugiandosi nella sua casa di campagna per prendersi cura di se stesso, insieme al suo caro Roger. Tra i due si era instaurato un rapporto solido, un'intesa perfetta, che aveva portato Tony ad amare l'amico più della sua stessa vita, ed era corrisposto in egual misura. Dal mattino alla sera con molta premura, Tony si occupava di Roger e non mancavano le lunghe passeggiate tra i campi, a stretto contatto con la natura, nella quale loro si sentivano completamente liberi. Proprio in una delle tante passeggiate, Roger distrattamente cadde, riportando lesioni lievi. Tony si preoccupò a dismisura anche se era consapevole che potevano bastare pochi giorni di riposo affinchè l'amico si rimettesse in forma come prima.
  Pensava che curandolo lui stesso, con l'amore e i pochi medicinali a disposizione, potesse guarire al più presto. Tutto ciò non bastò a dare all'amico l'energia che aveva sempre avuto. Doveva guarire in fretta. Tony non sopportava l'idea di vederlo soffrire in quel modo perciò si decise a telefonare al dottore. Nell'attesa Tony lo rassicurava con carezze e il calore di abbracci. Verso sera la sua preoccupazione si attenuò quando vide giungere nel cortile chi aveva chiamato.
"Buona sera, sono il veterinario"
"Buona sera dottore"
"Dov'è il cavallo?"
"Venga, l'accompagno da Roger..."

domenica 23 gennaio 2011

L'AMERICA DEMOCRATICA CHE PROTEGGE IL TERRORISMO

A chi crede ancora alla favola americana è perchè non si preoccupa (o non vuole) di scoprire le verità nascoste da questa potenza mondiale, imperialista, che tutto può e vuol far credere di essere l'unico paese "giusto" nell'intervenire al momento "giusto". Da sempre sono esperti  nell'intervento di occupazione di altri paesi, ad esempio, se parliamo dell'America Latina, per decenni è stata il loro cortile di casa, soprattutto Cuba fino al '59, prima del trionfo della Rivoluzione cubana. Il loro interesse per questi paesi è causato dalla paura della nascita di governi socialisti o comunisti (il loro chiodo fisso!), perciò è meglio attaccare subito il "microbo" prima che infesti e si diffonda a tutta la popolazione...!!! Esiste una scuola americana dove vengono addestrati uomini che diventeranno mercenari, ad uso e consumo per i traffici sporchi della potenza più democratica al mondo. Tra questi, LUIS POSADA CARRILLES, nazionalità cubana (Cienfuegos 1928) con cittadinanza venezuelana, ex agente segreto della CIA. Terrorista coccolato e protetto dagli USA, ha collaborato fin dagli inizi della sua carriera a  Cuba con FULGENCIO BATISTA (presidente di Cuba appoggiato dagli americani), diventa un ottimo alleato per la guerra contro Cuba. E' inutile ricordare l'odio  che gli Stati Uniti  hanno nei confronti di Cuba, dopo aver inflitto all'isola un embargo che dura da 52 anni). Posada, esperto in esplosivi, nel '61 si trasferisce a Miami e diventa membro dell'OPERAZIONE 40 , una organizzazione militare della CIA che ha come scopo, l'obiettivo di eliminare i capi di Stato che si oppongono alla politica americana. L'anno successivo diventa membro della CIA, prende parte a molte operazioni e nel '76, insieme all'amico terrorista ORLANDO BOCH, fa esplodere in pieno volo, al largo delle Barbados, l'aereo Cubana de aviaciòn, provocando la morte di 73 civili, tra cui la squadra di scherma cubana. Verrà processato e arrestato in Venezuela e nel '85 fugge dalla prigione grazie all'aiuto di una organizzazione di Miami, la Fondazione Nazionale Cubano-Americana. Prepara con la Cia la lotta armata contro il governo del Nicaragua. Viene accusato anche di aver organizzato un attentato  a  Fidel Castro mentre era in visita a Panama, ma grazie alla clemenza, alla amnestia del presidente del paese viene rilasciato. Un passaggio interessante si rivela nel 2005 quando gli Stati  Uniti lo arrestano nel loro territorio per essere entrato illegalmente, con il reato di immigrazione clandestina. Posada richiede l'asilo politico per evitare così l'estradizione richiesta da Cuba e Venezuela. Nel 2007 esce dal carcere su cauzione dove potrà vivere con la famiglia a Miami, grazie ad un giudice texano che farà cadere l'accusa di immigrazione poco prima che inizi il processo. Maquanto sono democratici...!!!
A distanza di quei fatti, senza considerare che a Cuba si sono verificati un susseguirsi di attentati per mano di terroristi guidati da Posada, finanziati dalla Cia, oggi nel 2011, ha avuo inizio il processo a inizio gennaio, di questa simpatica canaglia, a EL PASO. La cosa buffa è che non verrà giudicato per i crimini che ha commesso, ma verrà pocessato con l'accusa di spergiuro e di reati fiscali, molto minori e meno gravi di quelli di terrorismo e omicidio. Ma gli americani devono punirlo in qualche modo, visto le pressioni internazionali, anche se devono essere allo stesso cauti nei confronti di Posada per i segreti che lo stesso potrebbe rivelare coinvolgendo gli Stati Uniti.
La notizia di Posada non viene riportata in nessuna delle testate giornalistiche ( beh..alcune sì, ma si sa quali sono...), ma è scontatato che se si tratta degli  Stati Uniti d'America bisogna abbassare il capo, scrivere quello che vogliono loro e magari dire sissignore! Mentre proteggono questo terrorista e sono compiaciuti della democrazia che esportano, tengono in prigione da 12 anni LOS CINCO, i cinque cubani agenti anti-terrorismo per essersi introdotti in Florida, per scoprire i piani e le aggressioni nei confronti di Cuba.
Che grande è l'America!
Forse nessuno gli ha ancora detto che i  veri terroristi sono proprio loro...???!!!