"La maggior parte della gente non si preoccupa di scoprire la verità, ma trova molto più facile accettare la prima storia che sente." Tucidide (406-397 a.c.)

"Odio gli indifferenti. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. L'indifferenza è il peso morto della storia. Vivo sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti." Antonio Gramsci 1917





domenica 9 febbraio 2014

NON NE POSSO PIU'

Come rovinarsi la giornata appena sveglia. La prima notizia che ascolto accendendo la tv è che la UE ha multato l'Italia ( e di infrazioni l'Italia ne detiene il record, in questo siamo i primi!) per il mancato pagamento della Pubblica Amministrazione alle aziende. Dall'apertura delle pratiche per la procedura di infrazione, il governo avrà cinque settimane di tempo per rispondere e se non fosse soddisfacente partirà una lettera di messa in mora, che solo per la mora, la cifra corrisponderebbe ad un anno di IMU 3-4 miliardi. Sicuramente la scusa sarà giustificata per colpa del Patto di Stabilità che Monti ha firmato nel 2013 con il benestare di tutti i parlamentari, nel quale bisogna rientrare dal debito in 20 anni, riportandolo al 60%, L'Italia cioè, deve trovare 50 miliardi di euro ogni anno! Io purtroppo, sono convinta che l'Italia rimarrà sempre un paese inaffidabile, di corrotti, di leccaculi, ruffiani, pronti a dire sempre "sì" ai poteri forti....credo che non ci sia una via d'uscita, affinchè verremo rappresentati da persone (e sono gentile a chiamarle "persone") alle quali non interessa il futuro dei cittadini. MA PERCHE' DOBBIAMO SEMPRE RIMETTERCI NOI, IO SONO STANCA DI ESSERE RAPPRESENTATA DA CHI NON HO VOTATO....CHE PAGHINO LORO PER LE SCELTE( FORZATE E OBBLIGATE) CHE HANNO FATTO!
CHE SIATE MALEDETTI!

mercoledì 30 ottobre 2013

NON NOMINARE IL NOME "DEL PAPA" INVANO...

Anche se non mi piace del tutto facebook, e avevo giurato che non mi sarei mai registrata, alla fine , piano piano, ho il mio profilo, ma solo per avere contatti con chi si occupa e si interessa di politica, mi piace sapere più opinioni possibili. Mi sono permessa di rispondere ad un "amico" (per modo di dire) in merito alla fotografia che  qui a lato ho pubblicato commentando "...e bisogna crederci solo perchè lo dice il Papa? solo balle!".
Bene, mi ha risposto con il messaggio privato dicendo che il commento non gli piaceva, che non era necessario andare contro senza motivo....poi dopo qualche giorno ha tolto il mio commento.
Ammettiamolo, mai nessun Papa ha avuto tanta pubblicità come Papa Francesco ed i contenuti che espone sono sempre gli stessi detti e ridetti da tanti altri papa....Quello che non sopporto è sentire questo buonismo falso, ipocrita, non c'è bisogno di essere cristiano, avere fede, o ascoltare tali discorsi per avere una COSCIENZA o avere buon senso. Ricordo che un giorno sul posto di lavoro, le mie colleghe imparano che sono atea...mamma mia, mi hanno affrontato arrabbiatissime manco fossi una terrorista, si sono agitate e non hanno accettato il mio "stato" anzi, la loro risposta fu "adesso ci pensiamo noi, ti facciamo cambiare idea". Questo è un altro esempio di come non si possa violare un sentimento, una verità personale, è come se queste persone fossero ferite nel proprio animo, come se solo loro avessero le risposte giuste e non accettano opinioni contrarie.
L'unico Papa che non faceva propaganda e voleva veramente dare una svolta nella Chiesa, a mio parere, è stato Papa Luciani che con i suoi soli 33 giorni di pontificato, in cui chiaramente era a favore all'uso della contraccezione, alla nascita delle moschee, alla formazione delle coppie di fatto,e la Chiesa doveva tornare povera, ha pagato cara la sua giusta libertà di pensiero con la morte, ...credo che l'abbiano ucciso!
Sono convinta che il ruolo di papa Francesco abbia una notevole importanza nella crisi economica e diventa un riferimento globale , un leader spirituale per dare speranza alle popolazioni sottomesse a quelle più povere, più ignoranti, si presenta come un protettore....li tiene sedati così che non possano insorgere in una "rivoluzione" per combattere il NUOVO ORDINE MONDIALE, che a mio parere è già iniziato, e credo che l'attuale crisi sia stata provocata e costruita al fine di demolire le strutture economiche, politiche mondiali proprio per arrivare ad avere un unico governo mondiale. L'entrata di Bergoglio, (non a caso ha scelto il nome di Francesco), tramite i suoi discorsi di speranza offre alla Chiesa Cattolica un'immagine diversa, migliore a livello mondiale, che permette alla Chiesa stessa di recuperare il potere.
E poi, non dimentichiamo il ruolo che Bergoglio ha avuto durante la dittatura argentina negli anni 70.
Papa Francesco, puoi dire tutto ciò che vuoi, ingannare i tuoi fedeli ma a me non fai alcun effetto!

domenica 8 settembre 2013

LE DUE FACCE DELL'UNDICI SETTEMBRE

11 SETTEMBRE 1973
GOLPE DI STATO DA PARTE DELLE FORZE MILITARI CILENE GUIDATE DAL COMANDATE DELL'ESERCITO, IL GENERALE PINOCHET, SOTTO LA PRESSIONE DEL CONSIGLIERE NAZIONALE DELLA SICUREZZA HENRY KISSINGER, COL  QUALE VIENE ATTUATO IL "PIANO CONDOR". E' STATO UN DURO ATTACCO ALLA DEMOCRAZIA.
Anche quest'anno, come al solito non sentiremo parlare, se non poche parole, i telegiornali, e leggeremo su pochi quotidiani del colpo di Stato effettuato in Cile 40 anni fa. Chissà perchè a pochi piace ricordare l'intervento degli Stati Uniti che ha rovesciato completamente un sistema socialista che stava funzionando molto bene, che ha ucciso, massacrato, torturato milioni di persone, insediando nel paese latino una dittatura atroce. Ma certo, gli Usa, è noto che da sempre combattono il socialismo, il comunismo perchè a loro fa paura l'uguaglianza, fa paura che ogni cittadino abbia gli stessi diritti e che sia il popolo ad avere il vero potere, quel potere riconosciuto e che voleva fosse effettuato il Presidente Allende. Inoltre, grazie ai documenti di Wikileaks, si è appreso come il Vaticano abbia collaborato con gli Usa appoggiando il colpo di Stato di Pinochet. "...si tratta del documento datato 18.10.1973 dove il segretario di Stato Vaticano sostituto, GIOVANNI BENELLI, espresse ai diplomatici statunitensi la sua grande preoccupazione e anche quella del Papa Paolo VI , sul successo della campagna internazionale della sinistra per falsificare completamente la realtà della situazione cilena..." (tratto dall'articolo del giornalista Josè Francisco Zuniga-Agencia Uno).Il verdetto della Corte d'Appello di Santiago del Cile nel quale viene dichiarato il suicidio di Allende nel Palacio de la Moneda, mette a tacere il dubbio di un possibile omicidio da parte dei traditori.
Per me l'unico11 settembre rimane  l'attentato alla VERA democrazia in Cile.
Gli attacchi dell'11 settembre 2001 negli Stai Uniti si è rivelato una farsa e mi meraviglio che ancora ci siano persone che credono a tutte le bugie fabbricate dagli stessi americani. Mi dispiace solo per le vittime innocenti che hanno pagato un prezzo molto alto per salvare la credibilità ed il potere di coloro che manipolano l'economia del mondo a loro piacimento.

sabato 29 giugno 2013



L'anno scorso ho avuto la gioia di assistere ad un incontro con la grande Margherita Hack.
Da oggi nel cielo brilla una stella in più. 





venerdì 7 giugno 2013






 Ho appena letto il libro L'ISOLA DEL SILENZIO di cui si è tanto parlato dopo "l'elezione" del nuovo Papa Francesco. Non c'è bisogno di commentare, le indagini e le ricerche compiute in 15 anni dal giornalista Verbitsky,... parlano da sole e si evince chiaramente il ruolo determinante della Chiesa argentina nella dittatura in Argentina, e il ruolo del Papa "buono" complice di quei massacri.

giovedì 16 maggio 2013

CHI HA PAURA DELL'OMOFOBIA

Mentre nel 2011 più o meno all'inizio di maggio, in Italia veniva bocciata la proposta di legge  sull'omofobia, a Cuba, nello stesso periodo,  la comunità LGBT non solo  manifestava con un corteo nella capitale e  a Santiago nel giorno mondiale contro la omofobia, ma organizzava un programma culturale ricco ed interessante affinchè ogni cittadino avesse il diritto al libero e responsabile orientamento sessuale e d'identità.  Mariela Castro Espin, (classe '62)figlia di Raul,  psicologa e presidentessa del Centro Nazionale di Educazione Sessuale di Cuba -CENESEX- , impegnata  nei diritti omosessuali, transessuali e nella lotta all'Aids,  guidava la manifestazione per porre fine all'omofobia del paese, anche se in questi ultimi anni la società cubana ha fatto notevoli progressi.  Mariela Castro ha iniziato una serie di incontri  per sviluppare un progetto di riforma del Codice di famiglia che prevede le unioni gay, sperando che diventi legge al più presto. Intanto un segnale di apertura la società cubana lo ha già dato lasciando la possibilità di praticare il cambio di sesso, in modo gratuito con la consegna all'istante del nuovo documento d'identità. E si stanno già celebrando i primi matrimoni. Allora, in quella manifestazione la Castro disse che: dobbiamo porre fine a tutte le discriminazioni e l'omofobia. Il socialismo rappresenta l'emancipazione per gli esseri umani.  Anche quest'anno, 11 maggio, all'Avana ha sfilato un enorme corteo facendo festa  per la  tolleranza, il rispetto e contro l'omofobia. In testa sempre Mariela Castro dicendo: l'angolo del focolare è amore, rispetto. Per una famiglia libera dall'omofobia e dalla  transfobia, questo è il messaggio che vorremmo trasmettere e privilegiamo questo  nucleo sociale è uno degli spazi più vulnerabili se si parla di diritti sessuali.
Come tanti paesi, per ignoranza,  credendo che gli
omosessuali  rappresentino un tabù, anche Cuba
ha avuto subito dopo il  periodo della Rivoluzione,  un atteggiamento chiuso nei loro confronti.  Nel 2002 viene proclamata la nuova Costituzione dove l'articolo 42 stabilisce che " ogni discriminazione causata da razza, sesso, colore della pelle, origini nazionali, credo religioso e qualsiasi altra causa lesiva della dignità umana, è punita  a norma di legge e che le istituzioni statali hanno il compito di educare tutti i cittadini al principio dell'uguaglianza d'ogni essere umano".

Una domanda spontanea: noi, italiani,
non è che ci facciamo superare anche in questo dai cubani!

martedì 14 maggio 2013



LETTERA A FIDEL CASTRO DAL DIRETTORE GENERALE DELLA FAO
Roma, 29 aprile 2013

Stimato Comandante:
Ho l'onore di rivolgermi a lei in qualità di Direttore Generale della Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e la Agricoltura (FAO), per  congratularmi sinceramente con lei e con tutto il popolo cubano per aver anticipatamente compiuto la meta prefissa dal Congresso Mondiale sull'Alimentazione, che si celebrò a Roma nel novembre 1996, che proponeva ridurre la metà di persone denutrite in ogni paese prima del 2015.
Come ben lei ricorda, ci onorò della sua presenza in questo Congresso e pronunciò un discorso breve ma di forte impatto che ancora rimane nella memoria collettiva della nostra Organizzazione.....Sono passati da allora 17 anni e adesso le comunico con grande soddisfazione che per decisione dei paesi membri  e per prima volta nella storia, la Conferenza della Fao, che si realizzerà il prossimo mese a giugno a Roma, farà il possibile nel rimuovere la fame come la meta numero uno della nostra Organizzazione. In questa occasione si farà u omaggio a Cuba e agli altri 15 paesi che hanno avuto il miglior risultato nel debellare la fame, e sono Armenia, Cile, Fiji, Georgia, Ghana, Arzebaiyan, Guayana, Nicaragua , Perù, Samoa, Santo Tomè e Principe, Tailandia, Uruguay, Venezuela, Vietnam.....
La saluta con grande stima e apprezzamento Josè Graziano da Silva.